Il centro storico di Potenza Picena un tempo raccoglieva ben 27 chiese, di quell’antico passato oggi è rimasta intatta la pianta della città ed alcune chiese.

Ognuna delle chiese di Potenza Picena, oltre ad essere la meta ideale se state cercando un itinerario tra fede e spiritualità, raccoglie importanti tesori artistici.

Chiesa di Santo Stefano, la Collegiata

La Collegiata (chiesa di Santo Stefano), situata sul lato Est del centro storico di Potenza Picena, fino al 1773 fu la chiesa dei Gesuiti di Monte Santo. Edificata a partire dal 1585 dall’architetto Padre Giovanni De Rosis è rimasta con la facciata incompiuta, all’interno conserva molte pregevoli tele e arredi sacri. Opera di pregio è l’organo costruito da Bazzani di Venezia nel 1848.

Una scalinata scende alla Cappella della Congregazione dei Contadini, sottostante la chiesa: le pareti e il soffitto conservano affreschi conservano affreschi di Benedetto Biancolini.

L’annesso collegio, iniziato nel 1585 e molto rimaneggiato, è ora sede dell’Istituto delle Suore dell’Addolorata, dove si conservano gli antichi telai.

Chiesa di San Girio

Nella frazione omonima, si trova il Santuario di San Girio, uno dei luoghi più cari ai potentini. Questo Santuario, edificato probabilmente nel 1298 sulla tomba del Santo, fu ricostruito nel 1560 e ristrutturato nella prima metà del secolo scorso. All’interno si possono ammirare affreschi che rievocano la vita del Santo e una tela raffigurante San Girio del 1791.

Chiesa di San Francesco

Proprio accanto al Pincio si trova la Chiesa di San Francesco di origine duecentesche e ricostruita nella metà del XVIII secolo.

Potenza Picena ha una storia molto lunga che è raccontata dalle numerose opere che tracciano i profili della città. Alla scoperta dell’arte e della cultura di Potenza Picena.